Personalmente ancora devo mettere un dito nell’acqua, non ho ancora abusivamente occupato un ombrellone a causa della sabbia bollente e non ho manco bevuto la granita alle mandorle. E va bene così. Però se ogni dannatissimo giorno mi devo subire link di merda, del tipo: “Carcasse di topi trovati a riva, cadavere di una donna trovato in acqua, meduse impazzite, balene spiaggiate etc etc…” non va bene. Continuate a fotografarvi i piedi, le gambe o gli ombrelloni. Mi state facendo schifare l’estate. Quanto a me, al massimo pozz murì e cavr, più di questo per adesso non si può.

Sono un errore. Un rifiuto umano. Una disgrazia. Una maledizione. Una perdita di tempo. Una testa di cazzo. Una portatrice di guai.

La devi smettere di dare troppo a chi non lo merita. La devi smettere di torturarti, di massacrarti il cervello. La devi smettere di farti condizionare dalle persone. Pensa alla tua vita.

È sempre così.

Lei lo paragona ad altri, lui si altera e insieme rivoltano la loro rabbia contro di me. Si può vivere così ogni sacrosanta giornata?